Connect with us

Cronaca

Chico Forti è in Italia | Mi sono dichiarato colpevole solo per avere l’estradizione

 ‣ adn24 chico forti è in italia | mi sono dichiarato colpevole solo per avere l'estradizione

Chico Forti, il 65enne trentino rilasciato recentemente da un carcere della Florida dopo 24 anni di detenzione, è arrivato in Italia. Il suo aereo è atterrato all’aeroporto militare di Pratica di Mare, dove ha incontrato il premier Meloni. Successivamente, è stato trasferito a Roma, nel carcere di Rebibbia, dove rimarrà “per qualche giorno” prima di essere spostato al penitenziario di Verona, dove dovrebbe arrivare lunedì. Forti era stato condannato all’ergastolo per un omicidio avvenuto a Miami nel 1998. Le sue prime parole sono state: “Non vedo l’ora di abbracciare mia madre”. Durante l’incontro con il presidente del consiglio, Forti è apparso visibilmente commosso e ha ringraziato Meloni. La famiglia ha dichiarato che “l’intervento del governo è stato decisivo”.

L’avvocato di Forti, Carlo Della Vedova, ha annunciato che presenteranno un’istanza per permettere a Forti di visitare sua madre, Loner Forti, che ha 96 anni e non può muoversi. La madre risiede a Trento e non vede il figlio da circa dieci anni. L’avvocato ha sottolineato che anche l’aspetto umanitario ha accelerato la procedura ed è stato considerato dalla Corte di Appello di Trento quando ha recepito la sentenza americana.

La famiglia di Forti mantiene un basso profilo ma spera che la vicenda, che dura da 25 anni, si concluda rapidamente. Hanno anche sottolineato che “l’intervento del governo Meloni nelle scorse settimane ha dato un’accelerata all’iter”.

Gianni Forti, zio di Chico, ha espresso grande soddisfazione per il rientro del nipote, definendolo una vittoria dopo una lunga battaglia. “A noi basta che sia in Italia, ora il percorso è in discesa”, ha dichiarato, ringraziando le tante persone che hanno sostenuto la causa di Chico Forti. Ha concluso dicendo: “Abbiamo la chance di dare una nuova vita a Chico”.

Chico Forti ha ribadito la sua innocenza in merito alla condanna per omicidio. “Dovevo dichiararmi colpevole per ottenere l’estradizione, è l’unico motivo per cui l’ho fatto. Ho sognato questo momento ogni giorno”.

Il premier Giorgia Meloni ha espresso il suo orgoglio per il lavoro svolto dal governo italiano, ringraziando la diplomazia italiana e le autorità statunitensi per la collaborazione.

Il vicepremier e ministro degli Esteri Antonio Tajani ha lodato l’azione del governo e della diplomazia italiana per il trasferimento di Forti in Italia. Ha sottolineato che dal momento del loro insediamento, hanno lavorato per far sì che Forti potesse scontare la seconda parte della sua detenzione in Italia, elogiando il comportamento ineccepibile di Forti durante la detenzione a Miami.

Il ministro della Giustizia, Carlo Nordio, ha definito il rientro di Forti un giorno di gioia per l’Italia, lodando la collaborazione istituzionale che ha permesso il rapido completamento delle procedure. Ha ringraziato le articolazioni ministeriali coinvolte e ha sottolineato il successo politico e diplomatico ottenuto.

LE PIU' LETTE

Riproduzione Riservata - Copyright © Gruppo ADN Italia srl - P.Iva 02265930798 - redazione@adn24.it