Connect with us

Cronaca

Barletta |  Contrabbando gasolio, quantità superiore a quella dichiarata, sequestrati oltre 55mila litri

castrovillari (cs): in auto con due chili di cocaina, arrestati ‣ adn24 barletta | contrabbando gasolio, quantità superiore a quella dichiarata, sequestrati oltre 55mila litri


Tre persone, due di Barletta e una di Bari, sono state denunciate dalla Guardia di Finanza di Barletta per aver caricato su due autobotti una quantità di gasolio superiore rispetto a quella dichiarata nei documenti di trasporto, grazie alla complicità di un dipendente di una società petrolifera.

I soggetti coinvolti, due autotrasportatori e il dipendente barese della società Italiana Petroli Spa, tutti 40enni e senza precedenti penali, sono accusati di furto, alterazione degli strumenti di misurazione dell’erogazione di carburanti, frode in commercio, sottrazione all’accertamento o al pagamento dell’accisa sui prodotti energetici e corruzione tra privati.

Durante l’operazione, sono state sequestrate le due autocisterne e più di 55mila litri di gasolio agricolo e per autotrazione rubati alla società petrolifera, che ha subito un danno di oltre 100mila euro. L’attività illecita ha anche permesso di eludere il pagamento delle accise e dell’Iva per un ammontare superiore a 50mila euro.

Il furto è stato scoperto durante i controlli effettuati dalla Guardia di Finanza presso il porto dove si trova il deposito fiscale della società. I militari hanno individuato due mezzi pesanti con evidenti anomalie durante un primo controllo visivo. Successivamente, un controllo più approfondito ha rivelato che le due autocisterne contenevano rispettivamente 2.500 litri e 2.000 litri di prodotto petrolifero in più rispetto a quanto indicato nel documento di accompagnamento E-Das.

Gli inquirenti sostengono che l’eccesso di gasolio sia stato caricato con la complicità del dipendente della società petrolifera, che avrebbe manipolato il meccanismo di erogazione e pesatura dei mezzi in cambio di denaro. Tuttavia, non è stata contestata l’associazione per delinquere ai tre soggetti, poiché gli accordi sembrerebbero riguardare solo il dipendente e singoli autotrasportatori.

La Guardia di Finanza ha sottolineato l’importanza della collaborazione con la società Italiana Petroli SpA e l’Amministrazione delle Dogane e Monopoli, che ha consentito di accertare tempestivamente le condotte illecite commesse ai danni degli enti coinvolti.

Advertisement

LE PIU' LETTE

Riproduzione Riservata - Copyright © Gruppo ADN Italia srl - P.Iva 02265930798 - redazione@adn24.it