Connect with us

Europa

Elezioni europee | Meloni: “Scrivete Giorgia e cambiamo l’Europa”

 ‣ adn24 elezioni europee | meloni: "scrivete giorgia e cambiamo l'europa"


Il colpo di scena arriva al termine: nonostante la sua candidatura in tutte le circoscrizioni fosse considerata scontata, Giorgia Meloni chiede di scrivere sulla scheda elettorale “solo Giorgia, il mio nome di battesimo”, sottolineando di essere sempre e soltanto una di loro, una del popolo.

Questo è quanto dichiara Giorgia Meloni dopo quasi un’ora di discorso, durante il quale scherza anche sulle sue condizioni, definita essere in un “ottovolante” per via dei problemi agli otoliti. La leader di Fratelli d’Italia non solo lancia la campagna elettorale del partito per le elezioni europee, ma anche la sfida a valutare il suo consenso personale, dopo un anno e mezzo di governo.

Dal palco con vista mare di Pescara, Meloni chiama il suo popolo a un plebiscito su di lei (la lista riporterà “Giorgia Meloni detta Giorgia”), mentre tra il pubblico ascoltano Antonio Tajani, Lorenzo Cesa e Maurizio Lupi. Matteo Salvini, come annunciato, non è presente fisicamente ma interviene da Milano. Scherzando, Meloni commenta la sua assenza dicendo che ha preferito “il ponte”. Il discorso della Meloni, che dura 73 minuti, include un’analisi della storia di Fratelli d’Italia e l’obiettivo di confermare almeno il 26% dei voti ottenuti nelle elezioni precedenti.

La Meloni sottolinea l’importanza di formare una maggioranza di centrodestra in Europa, utilizzando come modello il successo ottenuto in Italia. Sottolinea anche la volontà di non formare alleanze con la sinistra, né durante né dopo le elezioni. A margine della conferenza programmatica, ora “inizia la campagna elettorale”. La Meloni ha dichiarato di contare sull’aiuto del partito, anche se non è la leader del Pd. Inoltre, si prevede un maggiore coinvolgimento della sorella, Arianna Meloni, fino al giorno delle elezioni.

Durante il suo discorso, la Meloni attacca direttamente Elly Schlein e il Movimento 5 Stelle, criticando anche il Superbonus come una sorta di “patrimoniale al contrario”. Parla di temi come la natalità, la difesa delle radici giudeo-cristiane dell’Europa e le politiche ambientali. Difende anche Edi Rama e critica il programma televisivo “Report”.

Il discorso si conclude con un saluto a Ignazio La Russa e nessun pranzo sul lungomare, poiché la Meloni non si sente bene. Scherza sulla sua condizione e, infine, annuncia la sua decisione di candidarsi in tutte le circoscrizioni elettorali con Fratelli d’Italia.

LE PIU' LETTE

Riproduzione Riservata - Copyright © Gruppo ADN Italia srl - P.Iva 02265930798 - redazione@adn24.it