Connect with us

Cronaca

Strage Altavilla | Barreca e la figlia: «E’ stata la coppia a fare i riti e le torture»

La situazione attorno alla strage di Altavilla Milicia sembra avvolta da uno spirito di conflitto e reciproche accuse. Sabrina Fina e Massimo Carandente, attualmente detenuti nel carcere di Pagliarelli, hanno deciso di puntare il dito contro Giovanni Barreca e la sua figlia diciassettenne, sostenendo che siano stati loro due ad uccidere Antonella Salamone e i suoi due figli, Kevin di 16 anni ed Emmanuel di 5 anni, nella loro villetta di Altavilla Milicia.

Nel frattempo, Giovanni Barreca, il muratore e imbianchino che si è consegnato alle autorità in uno stato di confusione mentale, facendo riferimenti a presenze oscure e al diavolo, sembra ancora essere in uno stato di crisi mistica, non rendendosi conto completamente della sua situazione detentiva. Il suo avvocato, Giancarlo Barracato, sta considerando seriamente l’opzione di richiedere una perizia psichiatrica per il suo assistito. Durante i colloqui con il legale, Barreca sembra aver realizzato la perdita della moglie e dei figli, ma attribuisce la colpa di tutto ciò a Satana anziché alle sue azioni. È convinto di aver avuto il compito di sconfiggere il demonio e sostiene che in questa sua impresa sia stato aiutato dai due coniugi.

Continua a leggere

LE PIU' LETTE

Riproduzione Riservata - Copyright © Gruppo ADN Italia srl - P.Iva 02265930798 - redazione@adn24.it