Connect with us

Cronaca

Messina | Fonde il motore dell’auto e sposta targa e documenti su una rubata: denunciato operaio

Si disfa di una vecchia auto e usa targhe e documenti su una nuova rubata ad aprile nel Messinese, precisamente a una signora di Forza d’Agrò.

I carabinieri della sezione operativa di Gravina di Catania hanno scoperto l’illecito e denunciato un operaio 43enne catanese, incensurato, per riciclaggio di un’autovettura. Il crimine è stato svelato grazie alla conoscenza del territorio e del tessuto sociale da parte dei militari, che sapevano che l’uomo era solito utilizzare un’utilitaria bianca intestata a un parente, immatricolata nel 2013.

Da qualche settimana, però, gli investigatori avevano notato che l’auto, apparentemente sempre la stessa Fiat Panda, sembrava essere stata rimodernata: un lavoro fatto fin troppo bene su un veicolo in circolazione da oltre 10 anni. Insospettiti, i carabinieri hanno deciso di approfondire la situazione, coinvolgendo i militari della sezione investigazioni scientifiche (S.I.S.) del nucleo investigativo di Catania. Il blitz è scattato alle 07:30 del mattino, quando il 43enne, uscito di casa per andare al lavoro, percorreva via Don Minzoni nel quartiere San Giovanni Galermo.

I carabinieri hanno predisposto un posto di controllo, durante il quale lo hanno fermato e chiesto di esibire i documenti del mezzo. Già da un primo esame del numero del telaio, è apparso chiaro che “qualcosa non quadrava”, poiché l’ordine delle lettere e dei numeri non corrispondeva a quello previsto dalla casa costruttrice. Per ulteriori accertamenti tecnici, l’auto è stata portata presso la caserma di Gravina, dove i militari della Sis hanno effettuato un’analisi approfondita. Utilizzando strumentazione specifica, i carabinieri hanno scoperto che il telaio dell’auto era stato “ribattuto” e che alcune lettere erano state trasformate in numeri e viceversa. Lo scopo della contraffazione era far sì che il telaio dell’auto nuova corrispondesse a quello riportato sulla carta di circolazione del veicolo precedentemente utilizzato. Analogamente, l’uomo aveva anche sostituito le targhe.

Grazie ai dati della centralina, i carabinieri sono risaliti al telaio e alle targhe originali del mezzo, rivelando che si trattava di un’auto del 2018, rubata lo scorso aprile a una signora di Forza d’Agrò. Ormai scoperto, il 43enne ha ammesso le modifiche effettuate al veicolo, confessando di averlo acquistato al “mercato nero” per risparmiare, in quanto non più in possesso della sua precedente utilitaria che, avendo fuso il motore, aveva distrutto autonomamente per non pagare la rottamazione. Alla luce di quanto scoperto, l’automobile è stata sequestrata e l’uomo denunciato per “riciclaggio”.

Cronaca

Palermo | Si chiamava Gianni Abeltino il Pilota di Elisoccorso morto mentre era in taxi

repertorio

“Ieri pomeriggio a Palermo è venuto a mancare improvvisamente Giampaolo Abeltino (in famiglia e per gli amici Gianni)”. Con queste parole, il parroco di Palau, don Paolo Pala, ha annunciato la scomparsa del suo compaesano Gianni, pilota del servizio di elisoccorso del 118 a Palermo. Abeltino, 60 anni, è morto mentre si trovava in un taxi in via Dante. Era appena stato dimesso da una clinica palermitana dopo essere stato ricoverato per alcuni controlli cardiaci.

“Ancora non sappiamo quando potranno essere celebrate le esequie – prosegue il sacerdote -. A tutti i familiari in Italia e negli USA giungano le nostre più affettuose condoglianze. Il Signore accolga l’anima di Gianni nella sua pace, ricompensandolo per la sua bontà, la finezza del tratto e il suo amore per la famiglia e la professione. Adesso è in compagnia della mamma, zia Franca.”

Abeltino, miracolosamente scampato a un incidente aereo nel 2007, viveva da tempo a Palermo. Dopo il diploma ottenuto in Sardegna, al nautico di La Maddalena, era andato a Livorno per il corso dell’Accademia navale. Poco dopo, si trasferì negli Stati Uniti, dove diventò pilota di aerei militari. Successivamente tornò in Italia per lavorare a Palermo.

Continua a leggere

Cronaca

Milano | Noleggia un’auto e viene fermato con a bordo cocaina: arrestato

Giovedì sera, gli agenti della squadra Mobile hanno individuato il 54enne alla guida di un’auto car sharing in via Giulio Romano. Durante il controllo, una ragazza è salita e poi scesa dall’auto; è stata trovata in possesso di una capsula di cocaina, acquistata poco prima per 100 euro. Nell’auto dell’uomo sono stati rinvenuti nove involucri e nove capsule di cocaina. Nel corso della perquisizione presso l’abitazione del 20enne, sono stati sequestrati cinque involucri di hashish, nove involucri di marijuana, un bilancino di precisione e 675 euro in contanti.

Le altre operazioni di controllo

Venerdì pomeriggio, intorno alle 15:30 in via Cellini, la polizia ha sorpreso due cittadini algerini, privi di regolare permesso di soggiorno, mentre rubavano un trolley da un’auto in sosta. Sono stati prontamente bloccati e trovati in possesso di una pinza a becco e un telecomando per apertura a distanza. Il trolley è stato restituito al proprietario.

Infine, sabato intorno alle 16:00 alla fermata della MM1 Lima, gli agenti di via Fatebenefratelli hanno arrestato un algerino di 26 anni, già noto alle forze dell’ordine e irregolare sul territorio, per furto aggravato. L’uomo aveva rubato il telefono a un passeggero in uscita dal tornello.

Continua a leggere

Cronaca

Roma | Tentato Furto alla Balduina: Uomo Ferito da una Ladra con un cacciavite

repertorio

Momenti di paura hanno scosso un appartamento della Balduina quando un uomo di 60 anni ha sorpreso una ladra che tentava di forzare la porta. L’incidente è avvenuto intorno alle 18 di sabato 15 giugno, in pieno giorno, a via Alberto Cadlolo.

Il proprietario dell’appartamento, allertato da rumori sospetti provenienti dall’ingresso, ha scoperto la presenza della ladra, una giovane donna che, colta alla sprovvista, ha reagito con violenza. Armata di un cacciavite, presumibilmente utilizzato per effettuare l’effrazione, ha ferito l’uomo ad un braccio prima di fuggire.

I carabinieri della stazione Medaglie d’Oro sono stati prontamente chiamati grazie alla segnalazione al 112 e hanno rintracciato la donna in strada poco dopo l’incidente. La ladra, una nomade di 19 anni già nota alle forze dell’ordine, è stata arrestata con l’accusa di rapina impropria. Durante la perquisizione è stato trovato in suo possesso diverso materiale utile per lo scasso.

Il proprietario dell’appartamento ferito è stato trasportato al pronto soccorso, dove i medici lo hanno giudicato guaribile in pochi giorni.

La giovane ladra è attesa lunedì 17 davanti al giudice per la convalida dell’arresto presso piazzale Clodio.

Continua a leggere

DI TENDENZA

Copyright © 2023 ITALIA NEWS 24