Connect with us

Musica

Chi è Ghali: Carriera e Curiosità di un simbolo della scena rap Italiana

Ghali, il cui vero nome è Ghali Amdouni, è un rapper italiano nato a Milano il 21 maggio 1993 da genitori tunisini. Cresciuto nel quartiere Baggio, ha scoperto fin da piccolo la sua passione per la musica rap, ispirandosi a artisti come Eminem, Jovanotti e Michael Jackson. Dopo aver iniziato la sua carriera con il gruppo Troupe d’Elite, ha intrapreso una carriera solista, pubblicando brani di successo come “Ninna Nanna”, “Cara Italia”, “Happy Days” e “Good Times”. Ghali si distingue per il suo stile rap fresco, ironico e incisivo, ma anche per il suo impegno sociale e la sua apertura verso altre culture. Scopriamo insieme la storia e la musica di Ghali, uno dei volti più importanti della scena rap italiana.

Biografia

Ghali Amdouni nasce a Milano il 21 maggio 1993 da genitori tunisini, che si erano trasferiti in Italia negli anni ’80. Ghali cresce nel quartiere Baggio, dove entra in contatto con la realtà multietnica e multiculturale della periferia milanese. Fin da bambino, Ghali mostra una grande passione per la musica rap e la scrittura. Il suo primo approccio al rap avviene dopo aver visto il film “8 Mile” di Eminem, che lo colpisce profondamente. Ghali inizia così a scrivere le sue prime canzoni, registrandole in cameretta con una webcam e un microfono. Il suo sogno è quello di diventare un rapper famoso e di esprimere la sua personalità attraverso la musica. Il suo pseudonimo, Ghali, deriva dal suo nome di battesimo, che significa “prezioso” in arabo.

Ghali non ama la scuola e la reputa una limitazione. Si diploma al liceo artistico, ma non prosegue gli studi universitari. La sua formazione musicale avviene in modo autodidatta, ascoltando vari generi musicali, dalla musica araba alla musica pop, dal rock all’elettronica. Tra i suoi artisti preferiti, oltre a Eminem, ci sono Jovanotti, Michael Jackson, Caparezza, Fabri Fibra, Marracash e Gué Pequeno.

Carriera musicale

La carriera musicale di Ghali inizia nel 2011, quando fonda il gruppo Troupe d’Elite, insieme a Ernia, Maite e Fawzi. In questo periodo, Ghali usa lo pseudonimo di Fobia, poi cambiato in Ghali Foh. Il gruppo si fa notare dal rapper Gué Pequeno, che li mette sotto contratto con la sua etichetta Tanta Roba. Il gruppo pubblica un EP omonimo nel 2012 e un album, “Il mio giorno preferito”, nel 2014. Tuttavia, la critica non accoglie positivamente questi lavori, considerando il gruppo poco originale e demenziale.

Nel 2015, Ghali decide di intraprendere una carriera solista, mantenendo solo il suo nome di battesimo come nome d’arte. Ghali pubblica una serie di singoli che vengono diffusi gratuitamente su YouTube, tra cui “Come Milano”, “Dende”, “Wily Wily” e “Cazzo Mene”. Questi brani ottengono un grande successo di pubblico, grazie anche ai videoclip curati e originali che li accompagnano. Ghali si distingue per il suo stile rap fresco, ironico e incisivo, ma anche per il suo impegno sociale e la sua apertura verso altre culture. Ghali canta infatti in italiano, ma inserisce anche parole in arabo, francese, inglese e spagnolo. Ghali affronta temi come l’immigrazione, l’integrazione, la povertà, la violenza, l’amore, la famiglia, la religione, la musica e la libertà.

Nel 2016, Ghali pubblica il singolo “Ninna Nanna”, che diventa un vero e proprio tormentone, raggiungendo il primo posto nella classifica FIMI e ottenendo il disco di platino. Il brano, prodotto da Charlie Charles, è dedicato alla madre di Ghali, che lo ha sempre sostenuto e incoraggiato. Il videoclip, girato in Tunisia, mostra la vita quotidiana delle donne tunisine, tra difficoltà e speranza.

Nel 2017, Ghali pubblica il suo primo album solista, “Album”, che contiene 13 tracce, tra cui “Cara Italia”, “Happy Days”, “Good Times” e “Pizza Kebab”. L’album ottiene un enorme successo, vendendo oltre 200.000 copie e ricevendo il disco di diamante. L’album viene anche riconosciuto dalla critica, che apprezza la maturità e la varietà di Ghali, capace di spaziare tra diversi generi musicali e di mescolare ironia e profondità. L’album viene anche candidato al Premio Tenco come miglior opera prima.

Nel 2018, Ghali pubblica il singolo “I Love You”, che anticipa il suo secondo album solista, “DNA”, uscito nel 2020. L’album contiene 16 tracce, tra cui “Boogieman”, “Flashback”, “Turbo”, “Barcellona” e “Cara Italia 2”. L’album conferma il successo di Ghali, vendendo oltre 100.000 copie e ricevendo il disco di platino. L’album mostra anche una maggiore introspezione di Ghali, che racconta la sua storia, le sue origini, le sue influenze e le sue ambizioni.

Nel 2024 Ghali parteciperà al festival di Sanremo con la canzone “Casa mia

Curiosità su Ghali

  • Ghali ha una sorella minore, di nome Fatima, che appare in alcuni suoi videoclip, come “Ninna Nanna” e “Cara Italia”.
  • Ghali è molto legato alla sua famiglia e alla sua cultura tunisina. Ha dichiarato di essere musulmano, ma di non praticare la religione in modo ortodosso. Ha anche detto di essere favorevole alla legalizzazione della cannabis, ma di non fumare.
  • Ghali ha una relazione con la modella e influencer Alice Pagani, nota per il suo ruolo nella serie tv “Baby”. I due si sono conosciuti nel 2018 e da allora sono inseparabili. Ghali ha dedicato a Alice il brano “I Love You”.
  • Ghali ha una grande passione per il calcio e tifa per il Milan. Ha anche giocato a calcio da bambino, ricoprendo il ruolo di portiere. Ha dichiarato di ammirare i calciatori Zlatan Ibrahimovic e Mario Balotelli.
  • Ghali ha un tatuaggio sul braccio destro che raffigura una rosa, simbolo della sua famiglia. Ha anche un tatuaggio sul petto che raffigura una stella, simbolo della sua carriera. Ha inoltre un tatuaggio sul collo che raffigura una chiave, simbolo della sua libertà.
  • Ghali ha vinto diversi premi e riconoscimenti per la sua musica, tra cui il MTV Award come miglior artista italiano nel 2017 e nel 2018, il Wind Music Award come album dell’anno nel 2017 e nel 2020, il Premio Lunezia per il valore musical-letterario nel 2017 e il Premio Amnesty Italia per l’impegno sociale nel 2018.

Ghali è uno dei rapper più amati e seguiti in Italia, grazie alla sua musica rap e alla sua personalità. Un artista che ha saputo raccontare la sua storia e il suo mondo, con ironia e profondità. Un vero e proprio fenomeno della musica italiana.

Attualità

Palmi | I cantanti sul palco dell’RDS Summer Festival 2024. Come prenotare

È ufficiale: l’RDS Summer Festival 2024 darà il via all’estate di Palmi, illuminando l’apertura dei festeggiamenti della Varia 2024. Questo meraviglioso evento avrà luogo in piazza Primo Maggio. L’ingresso è gratuito, ma per garantirsi l’accesso è necessario prenotarsi sul sito ufficiale.

Un Palcoscenico di Stelle, con grandi nomi, contribuirà a rendere questo festival indimenticabile. Aspettatevi una perfetta combinazione di artisti consolidati e nuovi talenti. Oltre ai concerti dal vivo, l’evento offrirà dj set, giochi e installazioni interattive.

Dopo Senigallia, Pescara, Barletta e Messina, l’RDS Summer Festival 2024 arriva a Palmi per portare la grande musica che accenderà le vostre notti d’estate. Il 19 e il 20 luglio, preparatevi a ballare con i brani più famosi di numerosi grandi artisti, a sorprendervi con i tanti ospiti che saliranno sul nostro palco e a divertirvi con la conduzione targata RDS 100% Grandi Successi e RDS Next. Radio Juke Box la radio locale più ascoltata in Calabria si occuperà dell’apertura delle due serate a Palmi.

Questo evento non solo aumenterà l’immagine di Palmi, ma attirerà anche visitatori da tutta Italia, trasformando il festival in una leva di crescita e visibilità per la nostra terra.

Se hai espresso la tua preferenza per la tappa di Palmi sul sito dell’RDS Summer Festival nelle settimane precedenti, riceverai una email a una settimana dall’evento per prenotare il tuo posto. Riceverai il QR Code che ti darà diritto ad entrare solo dopo la prenotazione. Basterà presentarsi in piazza Primo Maggio con il tuo QR Code, anche in formato digitale, per accedere all’evento. Se non ti sei ancora registrato o non hai effettuato l’accesso, fallo subito sul sito dedicato www.rdssummerfestival.it. Affrettati, i posti sono limitati.

L’RDS Summer Festival 2024 porterà sul palco di Palmi gli artisti che ami di più e non vedi l’ora di ascoltare. Una settimana prima dell’inizio dell’evento ti comunicheremo la line-up definitiva con i nomi dei cantanti che illumineranno il tuo weekend a Palmi. Nel frattempo, dai un’occhiata alla lista di coloro che parteciperanno nelle diverse tappe:

  • Achille Lauro
  • Aka 7even
  • Alessandra Amoroso
  • Alex Wyse
  • Alfa
  • Angelina Mango
  • Annalisa
  • Arisa
  • Articolo 31
  • Baby K
  • Benjamin Ingrosso
  • Benji & Fede
  • Bnkr44
  • Boomdabash
  • Boro
  • Capo Plaza
  • Cara, Cioffi
  • Clara
  • Coma_Cose
  • Dotan
  • Eiffel 65
  • Elodie
  • Emma
  • Fedez
  • Francesco Gabbani
  • Fred De Palma
  • Gaia
  • Gazzelle
  • Geolier
  • gIANMARIA
  • Holden
  • Il Tre
  • Irama
  • Kaze
  • Leo Gassmann
  • Leon Faun
  • Ludwig
  • Mahmood
  • Mameli
  • Maninni
  • Martina
  • Matteo Paolillo
  • Mazzariello
  • Mediterraneo
  • Mida
  • Mr Rain
  • Negramaro
  • Noemi
  • Olly
  • Paola & Chiara
  • Petit
  • Rhove
  • Rocco Hunt
  • Rose Villain
  • Sarah Toscano
  • SLF
  • Sophie and The Giants
  • Tananai
  • The Kolors
  • Tony Effe
  • Vale LP
Continua a leggere

Musica

Musica | Vasco da record: 7 live a San Siro e 4 al San Nicola di Bari

Nessuno può eguagliarlo: nessuno ha calcato il palco di San Siro sette volte, né ha affrontato il San Nicola di Bari per quattro volte.

L’attesa cresce per il nuovo traguardo di Vasco, che il 7 giugno varcherà per la trentesima volta il Meazza per dare inizio al suo nuovo tour. Il palco sarà imponente: largo 86 metri, profondo 25, alto 28 metri, maestoso e dominato da 5 enormi schermi multiscreen, due laterali curvi per garantire una visuale completa allo stadio, in grado di ospitare l’entusiasmo di 600.000 persone, di cui circa 400.000 solo a Milano.

Proprio a Milano, domani, Vasco riceverà la Pergamena della Città, che gli sarà consegnata dal sindaco Giuseppe Sala durante un incontro con 200 fan presso la Sala Buzzati del Corriere della Sera. In aggiunta alla Pergamena di Milano, il 7 giugno riceverà un riconoscimento anche dalla Regione Lombardia, consegnato dal presidente Attilio Fontana.

Il legame di Vasco con Milano risale al 1975, quando fece visita per la prima volta per acquistare un trasmettitore per la radio che aveva fondato a Zocca, la leggendaria “Punto Radio”. Successivamente, frequentò la Kono Music di Enrico Rovelli, il quale, dopo il clamoroso successo del tour “Liberi liberi”, lo convinse a esibirsi a San Siro. Una scommessa che si rivelò vincente: “Fronte del Palco”, il 10 luglio 1990, segnò la consacrazione di Vasco, con un Meazza stracolmo. Nel corso degli anni, il numero di date a San Siro è cresciuto, da due nel ’95, a tre nel 2003, poi quattro nel 2011 e nel 2014, fino a sei nel 2019. Oggi, la nuova sfida: sette date, a partire dal 7 giugno.

Continua a leggere

Attualità

La Framus Hootenanny di John Lennon venduta all’asta per un record di 2,86 milioni di dollari

Durante la vendita Julien’s Music Icons presso l’Hard Rock Café di New York, la famosa chitarra Framus Hootenanny di John Lennon (1940 – 1980), utilizzata durante la registrazione dell’album Help! dei Beatles, è stata aggiudicata per una cifra record di 2,86 milioni di dollari, diventando così la chitarra dei Beatles più costosa mai venduta all’asta.

La chitarra, recentemente ritrovata, è stata messa all’asta con una stima iniziale tra i 600.000 e gli 800.000 dollari, ma ha rapidamente superato le aspettative, raggiungendo il triplo della stima massima durante un’accesa gara al rialzo tra diversi collezionisti. L’offerente che ha acquistato la chitarra ha chiesto di restare anonimo.

David Goodman, CEO di Julien’s Auctions, ha commentato: “Siamo assolutamente entusiasti e onorati di aver stabilito un nuovo record mondiale con la vendita della chitarra perduta di John Lennon. Questa chitarra non è solo un pezzo di storia della musica, ma anche un simbolo dell’eredità duratura di John Lennon”.

La Framus Hootenanny, una chitarra acustica a 12 corde prodotta dall’azienda tedesca Framus nei primi anni ’60, è stata acquistata da Lennon alla fine del 1964. È stata utilizzata durante le sessioni di registrazione di Help! e si può ascoltare in brani iconici come “You’ve Got to Hide Your Love Away”, “It’s Only Love” e “I’ve Just Seen a Face”. Anche George Harrison l’ha utilizzata per suonare la ritmica in “Norwegian Wood”.

La chitarra è stata ritrovata nella soffitta della casa di un nuovo proprietario nella campagna inglese, dopo essere stata passata attraverso diverse mani nel corso degli anni. È stata autenticata dagli esperti dei Beatles Andy Babiuk e Danny Bennett, che hanno confrontato la chitarra con le immagini d’archivio dei Beatles per confermarne l’autenticità.

La vendita della Framus Hootenanny di John Lennon rappresenta un momento significativo nella storia della musica e conferma il valore storico e artistico delle opere legate ai Beatles.

Continua a leggere

DI TENDENZA

Copyright © 2023 ITALIA NEWS 24