Connect with us

Cronaca

Roma | “Non vidi Serena Mollicone in caserma quando scomparve”

 ‣ adn24 roma | "non vidi serena mollicone in caserma quando scomparve"

Nel processo di appello in corso a Roma per la morte di Serena Mollicone, la battaglia delle testimonianze è intensa. Un testimone chiave, Annarita Torriero, che ebbe una relazione con l’ex brigadiere Santino Tuzi, è stato ascoltato dai giudici di assise. Torriero ha categoricamente negato le dichiarazioni di una sua vicina di casa, Sonia Da Fonseca, la quale aveva affermato di aver sentito da Torriero di aver visto Serena nella caserma dei carabinieri il giorno della sua scomparsa.

“È assolutamente falso”, ha spiegato Torriero, “che quel giorno abbia visto Serena nella caserma di Arce. Non ho mai detto una cosa del genere e chi lo afferma sarà querelato per calunnia”. Torriero ha inoltre dichiarato di conoscere Serena perché il padre della ragazza era il maestro di sua figlia. Ha ammesso di aver incontrato Serena nella zona della caserma in passato, ma ha sottolineato di non averla mai vista entrare o uscire dalla caserma quel giorno specifico.

Torriero ha poi condiviso le sue osservazioni sulla presenza di Serena nel paese: “Spesso vedevo Serena sul corso di Arce con altri ragazzi e mi chiedevo come facesse una brava ragazza come lei a stare in quella compagnia con il figlio del maresciallo Mottola”. Tuttavia, ha anche aggiunto che Da Fonseca ha avuto un risentimento nei suoi confronti per altre questioni e ha accusato quest’ultima di aver detto molte bugie.

Nel processo di primo grado, tenutosi nel luglio del 2022, il tribunale di Cassino ha scagionato i cinque imputati: il maresciallo dei carabinieri Franco Mottola, sua moglie Annamaria e il figlio Marco, il luogotenente Vincenzo Quatrale e l’appuntato Francesco Suprano. Le accuse di omicidio e favoreggiamento sono cadute.

Riproduzione Riservata - Copyright © 2023 ADN24.it - Redazione@adn24.it - P.Iva 08951340960