Connect with us

Attualità

Napoli | Multe e Ztl: Comune sospende le ingiunzioni di pagamento

 ‣ adn24 napoli | multe e ztl: comune sospende le ingiunzioni di pagamento

Novità nel caso delle cartelle esattoriali errate recentemente inviate a molti napoletani. Palazzo San Giacomo ha spiegato che le ingiunzioni di pagamento per verbali di passaggio non autorizzato nelle ZTL, relative al periodo dal 6 giugno al 31 ottobre 2020, sono state emesse prima che prefetto o giudice di pace potessero esprimersi sui ricorsi presentati.

Le aree pedonali coinvolte sono quelle accessibili dai varchi di via Santa Sofia, via del Sole, via Duomo, calata Trinità Maggiore, via Mezzocannone, e via Miroballo al Pendino.

La vicenda risale all’estate del 2020, quando la giunta de Magistris e i dirigenti del Comune di Napoli prolungarono gli orari di alcune ZTL, tra cui Mezzocannone e via Duomo, senza informare adeguatamente i cittadini. Di conseguenza, molti napoletani attraversarono i varchi senza saperlo, accumulando numerosi verbali.

A settembre, migliaia di questi verbali furono recapitati ai cittadini. De Magistris ammise l’errore e tentò di rimediare chiedendo ai dirigenti di annullare le multe. Tuttavia, quella delibera, promessa per mesi dall’allora sindaco e dall’assessore alla mobilità Alessandra Clemente, non fu mai attuata perché, secondo una relazione tecnica, non era giuridicamente possibile.

Ora, il Comune di Napoli ha chiesto al Concessionario di sospendere l’esecutività delle ingiunzioni di pagamento per permettere le necessarie verifiche sui verbali. Chi possiede documentazione che attesta la presentazione di un ricorso o una sentenza favorevole del giudice di pace può inviarla via email/PEC a riscossionecoattiva-napoliov@legalmail.it. In alternativa, a partire dal 1° giugno 2024, è possibile rivolgersi agli uffici di Napoli Obiettivo Valore al centro direzionale Isola B, piano 3, su appuntamento da fissare tramite il portale https://www.napoliobiettivovalore.it o telefonando al numero 08119758372, portando la documentazione necessaria.

“I cittadini che non hanno presentato ricorso al Prefetto o non hanno ottenuto una sentenza favorevole del Giudice di pace restano tenuti al pagamento della sanzione”, conclude il Comune di Napoli.

Advertisement

LE PIU' LETTE

Riproduzione Riservata - Copyright © Gruppo ADN Italia srl - P.Iva 02265930798 - redazione@adn24.it