Connect with us

Cronaca

Palermo | Confiscati beni all’imprenditore Giancarlo Iorio Gnisci, imputato per riciclaggio dalle finalità mafiose

 ‣ adn24 palermo | confiscati beni all'imprenditore giancarlo iorio gnisci, imputato per riciclaggio dalle finalità mafiose

La polizia, tramite gli investigatori della Divisione Anticrimine di Macerata e del Servizio Centrale Anticrimine, ha eseguito un provvedimento di confisca di beni e assetti societari per un valore approssimativo di 3 milioni di euro nei confronti di Giancarlo Iorio Gnisci, imprenditore edile ed immobiliare di origine calabrese, residente nelle Marche da circa vent’anni. Iorio Gnisci era già stato sottoposto alla sorveglianza speciale di polizia nel 2020, con obbligo di soggiorno per tre anni, su proposta motivata del questore di Macerata.

La confisca ha interessato le quote e l’attivo aziendale di sei società attive nel settore immobiliare ed edilizio, 15 edifici e 26 terreni, tre veicoli e vari rapporti finanziari, per un valore complessivo stimato di circa tre milioni di euro. Il provvedimento, emesso ai sensi della normativa antimafia dal Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione di Ancona, su proposta congiunta del questore Luigi Silipo e del procuratore di Macerata Giovanni Fabrizio Narbone, segue un precedente sequestro disposto dal medesimo Tribunale nell’ottobre 2022.

Si è appreso dalla Questura che Iorio Gnisci è stato coinvolto in passato in diversi procedimenti giudiziari riguardanti reati tributari, finanziari, fallimentari, contro il patrimonio, la pubblica amministrazione e l’ambiente. È anche imputato al Tribunale di Palermo per riciclaggio aggravato dalle finalità mafiose, con indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia del capoluogo siciliano che hanno rivelato stretti legami con Cosa Nostra nel periodo 2014-2015. Secondo l’accusa, avrebbe utilizzato società controllate per agevolare un membro di spicco del clan mafioso di Resuttana (Palermo) in operazioni immobiliari e finanziarie finalizzate al riciclaggio di denaro sporco in provincia di Roma e in Romania.

Le indagini della polizia hanno dimostrato che Iorio Gnisci, nonostante un reddito contenuto, ha creato un complesso sistema societario operante nel settore immobiliare nelle Marche, anche attraverso la complicità di familiari e prestanome, al fine di nascondere il legame diretto con le sue attività imprenditoriali. Le società, strettamente collegate, sono state utilizzate per trasferire beni e ricchezza, giustificare spese e manipolare profitti, incluso il riciclaggio di denaro proveniente da attività illecite.

LE PIU' LETTE

Riproduzione Riservata - Copyright © Gruppo ADN Italia srl - P.Iva 02265930798 - redazione@adn24.it