Connect with us

Cronaca

Roma | Arrestato amministratore della cooperativa decotta: il fallimento era pilotato

 ‣ adn24 roma | arrestato amministratore della cooperativa decotta: il fallimento era pilotato

Le autorità finanziarie di Roma hanno eseguito un’ordinanza di arresti domiciliari nei confronti dell’amministratore di una cooperativa sociale operante nel settore ambientale, in particolare nella raccolta dei rifiuti a Roma e altri comuni del Lazio, sospettato di aver orchestrato un fallimento fraudolento per coprire un buco finanziario di milioni di euro.

Le indagini sono scaturite da una segnalazione di un creditore, e gli accertamenti delle autorità finanziarie hanno rivelato un progressivo depauperamento del patrimonio dell’impresa, con trasferimento dei suoi asset più significativi e accumulo di debiti, dirottando le responsabilità finanziarie verso altri soggetti legati all’imprenditore.

La strategia per creare una “bad company” destinata al fallimento ha coinvolto la cessione di un ramo d’azienda e l’affitto di un altro, permettendo ad altri soggetti di continuare l’attività di raccolta dei rifiuti con contratti d’appalto del valore residuo di circa 14 milioni di euro in alcuni comuni del Lazio.

Nel corso degli anni, la cooperativa ha accumulato debiti per circa 4 milioni di euro, di cui due verso l’Erario per imposte e contributi non pagati. In seguito alle indagini, la procura di Roma ha ottenuto dal giudice anche il sequestro di 6 automezzi, che costituivano l’intero parco veicolare della cooperativa, del valore di oltre 500.000 euro, per il rimborso dei creditori.

L’uomo è accusato di bancarotta fraudolenta patrimoniale, preferenziale e documentale per aver causato il fallimento della cooperativa.

Advertisement

LE PIU' LETTE

Riproduzione Riservata - Copyright © Gruppo ADN Italia srl - P.Iva 02265930798 - redazione@adn24.it