Connect with us

Campania

Camorra | “Sandokan” pentito: ora tocca ai nomi di politici e imprenditori che aveva a libro paga

 ‣ adn24 camorra | "sandokan" pentito: ora tocca ai nomi di politici e imprenditori che aveva a libro paga

La decisione di Francesco “Sandokan” Schiavone di diventare un collaboratore di giustizia ha scosso profondamente il panorama criminale della Campania. Dopo 26 anni di detenzione, gran parte dei quali trascorsi nel regime penitenziario speciale 41 bis, il capo dei Casalesi ha finalmente deciso di confrontarsi con le sue responsabilità. Per lungo tempo, Sandokan è stato considerato uno dei pilastri insormontabili della camorra casalese, custode di segreti oscuri e trame inquietanti; tuttavia, il suo distacco dal mondo dell’ombra potrebbe rappresentare una svolta illuminante nel mondo della criminalità organizzata, non solo a livello locale.

L’avvio della sua collaborazione, autorizzata dalla Direzione Nazionale Antimafia, offre agli inquirenti la speranza di svelare le oscure alleanze del mondo criminale, mettendo in luce complici e connivenze, e segnando una svolta cruciale nella lotta contro la criminalità organizzata.

È essenziale esaminare i legami torbidi tra camorra, politica e imprenditoria. Le testimonianze di Schiavone, se autentiche, potrebbero finalmente evidenziare una rete di corruzione e complicità che ha eroso le fondamenta della nostra società. In particolare, è necessario investigare i rapporti tra la camorra e la classe politica, nonché le collusioni con il mondo imprenditoriale, che hanno afflitto la provincia di Caserta per decenni. La questione della Terra dei Fuochi rappresenta un problema irrisolto e doloroso per tutta la regione.

L’impegno di Schiavone a cooperare con le autorità potrebbe essere un passo significativo verso la guarigione di questa ferita profonda, arrestando il flusso di illegalità e favorendo la ripresa della legalità. Tuttavia, la vera riforma richiede che anche coloro che hanno tratto vantaggio da queste connivenze vengano chiamati a rispondere delle proprie azioni, subendo le conseguenze della legge come tutti gli altri.

Mentre accogliamo con favore questa inaspettata possibilità di riscatto, non possiamo permetterci di abbassare la guardia. Individui come Francesco Bidognetti e Michele Zagaria dimostrano che c’è ancora molto lavoro da fare per sradicare completamente la criminalità organizzata. Tuttavia, la scelta di Sandokan dovrebbe servire da monito per loro e per tutti coloro che continuano a sfidare l’autorità dello Stato. La loro sconfitta sarà una vittoria per la giustizia e per un futuro migliore per la nostra terra, liberata dalla morsa della criminalità.

Riproduzione Riservata - Copyright © 2023 ADN24.it - Redazione@adn24.it - P.Iva 08951340960