Connect with us

Tecnologia

Ci aspetta un futuro alla Star Trek 

 ‣ adn24 ci aspetta un futuro alla star trek

Un futuro alla Star Trek, in cui i sistemi di Intelligenza Artificiale saranno interconnessi in una sorta di mente-alveare simile ai Borg, è il quadro descritto da un gruppo di ricercatori basandosi sulle tendenze attuali della ricerca nell’ambito dell’IA. Questa visione è stata pubblicata sulla rivista Nature Machine Intelligence e è il risultato di uno studio coordinato dall’italiano Andrea Soltoggio, che lavora presso l’Università di Loughborough nel Regno Unito.

Secondo Soltoggio, l’idea è che la conoscenza acquisita dai sistemi di IA possa essere condivisa su scala globale, all’interno di una rete di unità indipendenti. Questo concetto, sebbene non ancora realizzato, rappresenta la direzione verso cui molti gruppi di ricerca stanno lavorando. L’obiettivo è creare nuovi tipi di sistemi di intelligenza artificiale scalabili, resilienti e sostenibili.

Il futuro dell’IA sembra distante dagli attuali grandi sistemi come ChatGPT, considerati costosi, non condivisibili e poco durevoli. C’è anche una crescente preoccupazione per l’impatto ambientale di questi sistemi, che richiedono una grande quantità di energia. Perciò, la sfida è rendere l’IA più sostenibile.

Secondo la prospettiva dei ricercatori, il futuro apparterrà a unità di IA collettive e sostenibili, capaci di evolversi e condividere informazioni e dati. In questa IA a “mente-alveare”, ogni unità manterrebbe la sua individualità, il che potrebbe fungere da difesa contro la diffusione di informazioni pericolose o non etiche.

Soltoggio sottolinea l’importanza di creare entità in grado di distinguere tra informazioni lecite e nocive e di prendere decisioni in merito. Questo potrebbe portare a una sorta di democrazia nel controllo dell’IA, con molte entità con regole diverse anziché un unico sistema concentrato.

La nuova direzione della ricerca si focalizza quindi su una rete collettiva di unità di IA capaci di apprendere e adattarsi continuamente, con un apprendimento che si basa sull’esperienza e si aggiorna costantemente. Questa è definita Intelligenza Artificiale Collettiva, in cui ogni sistema comunica le proprie esperienze e conoscenze agli altri. La sfida ora è dimostrare la fattibilità di questo sistema cooperativo attraverso azioni concrete, su cui molti gruppi di ricerca, compreso quello di Soltoggio, stanno lavorando.

Advertisement

LE PIU' LETTE

Riproduzione Riservata - Copyright © Gruppo ADN Italia srl - P.Iva 02265930798 - redazione@adn24.it