Connect with us

Cronaca

Palermo | Depistaggio Borsellino, Corte appello in camera di Consiglio

 ‣ adn24 palermo | depistaggio borsellino, corte appello in camera di consiglio

La corte d’appello di Caltanissetta si è ritirata in camera di consiglio per deliberare sul processo riguardante il depistaggio delle indagini relative alla strage di via D’Amelio, nella quale persero la vita il giudice Paolo Borsellino e cinque poliziotti della scorta.

Tre poliziotti del pool investigativo sui attentati mafiosi del 1992, Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo, sono imputati di calunnia aggravata dal presunto favore a Cosa Nostra. La Procura, rappresentata dal pg Gaetano Bono e dal pm Maurizio Bonaccoro, ha richiesto la condanna di Bo a 11 anni e 10 mesi, e di Mattei e Ribaudo a 9 anni e sei mesi. In primo grado, il tribunale ha dichiarato prescritto il reato di calunnia contestato a Mattei e Bo, escludendo l’aggravante mafiosa, e ha assolto Ribaudo.

Secondo l’accusa, sotto la supervisione del defunto capo della Mobile Arnaldo La Barbera, i tre poliziotti avrebbero orchestrato una falsa narrazione sull’omicidio, costringendo Vincenzo Scarantino, un piccolo criminale del quartiere Guadagna, a fornire una ricostruzione inattendibile della preparazione dell’attentato e ad accusare individui estranei all’attentato con l’autobomba a via d’Amelio.

“Alla fine della requisitoria, il procuratore generale Fabio D’Anna ha condannato il tradimento da parte degli organi dello Stato, affermando che non può essere perdonato”.

Advertisement

LE PIU' LETTE

Riproduzione Riservata - Copyright © Gruppo ADN Italia srl - P.Iva 02265930798 - redazione@adn24.it