Connect with us

Cronaca

Lago Maggiore | Dopo 10 mesi la verità sulla morte degli 007 annegati, non era una gita di piacere

 ‣ adn24 lago maggiore | dopo 10 mesi la verità sulla morte degli 007 annegati, non era una gita di piacere

Nei locali del Copasir, il silenzio regna sovrano, ma ormai è ufficiale che la tragica morte dei due agenti segreti Claudio Alonzi e Cristiana Barnobi, annegati nel Lago Maggiore a causa di una violenta tromba d’aria che ha affondato la nave Gooduria, non è avvenuta durante una semplice gita di piacere, bensì “nel corso di un’operazione delicata con Servizi Collegati Esteri”. Questa rivelazione emerge dalle annotazioni nelle loro biografie sulla “parete della memoria” presso la sede del Dis, dove compaiono anche i nomi di Vincenzo Li Causi, Nicola Calipari, Lorenzo D’Auria e Pietro Antonio Colazzo. Per dieci mesi, il mistero avvolgeva la morte degli agenti dell’Aise, e probabilmente in futuro sarà difficile ottenere maggiori dettagli sull’operazione che stavano conducendo insieme ai loro colleghi del Mossad: le ipotesi più probabili includono un coinvolgimento legato al terrorismo islamico o una ricerca di oligarchi russi.

Difficilmente sapremo mai se la loro tragica fine sia stata davvero una fatalità o altro. Ciò che è certo è che le autorità stanno conducendo un’indagine giudiziaria, e tra gli indagati figura Claudio Carminati, lo skipper dell’imbarcazione. Tra le vittime dell’incidente presunto figura anche sua moglie Anya Bozhkova, oltre a un ex agente del Mossad, Erez Shimoni.

Inizialmente, si pensava che l’affondamento della nave fosse avvenuto durante una festa di compleanno, una gita tra vecchi amici e ex colleghi diventata tragedia. Tuttavia, man mano che emergono nuove informazioni, soprattutto riguardo al lavoro delle vittime e degli altri presenti, cresce il sospetto che si tratti di una copertura. In particolare, molti si domandano perché la gita non sia stata annullata data l’allerta meteo. Sorgono anche interrogativi sulla nave, che ha subito modifiche non comunicate al Registro navale italiano, modifiche che avrebbero potuto comprometterne la stabilità; inoltre, il numero di persone a bordo superava la capienza massima dello scafo e l’imbarcazione olandese, costruita nel 1982, non era registrata in Italia ma in Slovenia, un fatto inizialmente attribuito a ragioni fiscali. Le annotazioni che ricordano le circostanze della morte di Claudio Alonzi e Cristiana Barnobi confermano, almeno in parte, i dubbi sollevati sulle ricostruzioni degli eventi di questi mesi.

Riproduzione Riservata - Copyright © 2023 ADN24.it - Redazione@adn24.it - P.Iva 08951340960