Connect with us

Campania

Posillipo (NA) | Caso Cristina Frazzica: di chi è lo yacht di 18 metri sequestrato

 ‣ adn24 posillipo (na) | caso cristina frazzica: di chi è lo yacht di 18 metri sequestrato

Potrebbe esserci una svolta nelle indagini riguardanti il caso di Cristina Frazzica, la giovane deceduta in seguito a un incidente in kayak avvenuto domenica pomeriggio. La Procura ha disposto il sequestro e le verifiche su tre imbarcazioni al fine di identificare lo yacht che avrebbe investito la studentessa universitaria di 31 anni, originaria della Calabria ma residente a Voghera, nelle acque di Posillipo, al largo di Villa Rosebery.

Secondo le prime informazioni fornite dalla Capitaneria di Porto, la canoa su cui si trovava la vittima insieme all’amico Vincenzo Leone, anch’egli avvocato e rimasto illeso, sarebbe stata colpita dal motoscafo di 18 metri appartenente all’avvocato penalista napoletano Guido Furgiuele, 48 anni, il quale è stato il primo a prestare soccorso alla vittima. Furgiuele, interrogato ieri dalla Procura, ha dichiarato di non essersi accorto di aver causato l’impatto. Anche le altre cinque persone a bordo dello yacht hanno riportato la stessa versione.

Gli accertamenti tecnici condotti sull’imbarcazione di Furgiuele dovranno stabilire se essa sia coinvolta nell’incidente, attraverso un incrocio di dati con le prove raccolte sulla canoa.

L’indagine della Guardia Costiera è coordinata dal pm Vincenzo Toscano insieme al procuratore aggiunto Raffaello Falcone. Per gli inquirenti, le immagini di videosorveglianza di Villa Rosebery, residenza del presidente della Repubblica, potrebbero essere decisive, anche se sembra che non abbiano catturato il momento dell’impatto.

Intanto, i familiari di Cristina Frazzica sono arrivati a Napoli, chiedendo giustizia per la figlia, una studentessa modello ambita dalle migliori aziende nel settore delle biotecnologie. Il Dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II ha espresso il proprio cordoglio per la tragica scomparsa della giovane, ricordandola come una studentessa appassionata di ricerca e pronta a intraprendere una carriera professionale nel campo della salute umana.

LE PIU' LETTE

Riproduzione Riservata - Copyright © Gruppo ADN Italia srl - P.Iva 02265930798 - redazione@adn24.it