Connect with us

Cronaca

Bologna | Prima il rapporto poi la violenza: donna stuprata due volte nel parco

 ‣ adn24 bologna | prima il rapporto poi la violenza: donna stuprata due volte nel parco

Un giovane di 25 anni è stato arrestato dai carabinieri di Bologna per violenza sessuale e tentata rapina, in seguito a un evento avvenuto sabato scorso alle 22:30 nel parco della Montagnola. I militari sono intervenuti dopo una chiamata di soccorso da parte di un individuo che ha segnalato una donna violentata nella zona. Il sospetto, la cui prima identificazione in Italia risale al settembre 2023 presso l’hotspot di Porto Empedocle, è di origine tunisina, disoccupato e senza regolare permesso di soggiorno. La vittima, una donna di circa 40 anni, ha dichiarato agli inquirenti di essere stata aggredita sessualmente dall’uomo.

Dalle testimonianze della persona che ha segnalato l’accaduto e della vittima stessa, i carabinieri hanno ricostruito la dinamica dell’incidente. Sembra che il presunto aggressore si sia avvicinato alla donna, seduta sulla scalinata del parco, offrendole circa 30 euro in cambio di un rapporto orale. Dopo che la donna ha accettato l’offerta, i due si sono allontanati in una zona buia. Tuttavia, una volta terminato il rapporto, il giovane avrebbe bloccato la donna con la forza e, ignorando le sue grida di aiuto, l’avrebbe violentata due volte senza protezione dopo averle strappato gli indumenti intimi.

Il ragazzo avrebbe anche tentato di rapinarla, ma è stato impedito dall’intervento tempestivo dei carabinieri. Sul posto, i militari hanno trovato la donna visibilmente sconvolta e il sospetto, che parlava solo francese e arabo e si stava rimettendo i pantaloni, macchiati di terra. La donna ha confermato di essere stata violentata dal giovane che si stava rivestendo. La vittima è stata soccorsa e trasportata al pronto soccorso ostetrico-ginecologico dell’ospedale Maggiore, mentre il sospetto è stato arrestato e portato in carcere su disposizione della procura della Repubblica di Bologna, che ha attivato il “codice rosso” per tutelare la vittima.

LE PIU' LETTE

Riproduzione Riservata - Copyright © Gruppo ADN Italia srl - P.Iva 02265930798 - redazione@adn24.it