Connect with us

Campania

Napoli | Alla guida del Clan nonostante fossero detenuti al 41bis

 ‣ adn24 napoli | alla guida del clan nonostante fossero detenuti al 41bis

Nonostante fossero detenuti nel regime speciale 41bis, i capi del clan Contini, facenti parte dell’Alleanza di Secondigliano, continuavano a delegare incarichi direttivi ai loro fidati, guidando le strategie criminali e imprenditoriali del clan. Hanno anche cercato di intimidire i collaboratori di giustizia per dissuaderli dal cooperare con le autorità.

Questo è emerso dalle indagini condotte dalla Squadra Mobile di Napoli, dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Napoli, dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Napoli e dallo Scico della Guardia di Finanza, che hanno portato all’esecuzione di un’ordinanza emessa dal gip su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, guidata dai pm Converso e Varone, sotto la coordinazione del procuratore Nicola Gratteri e del procuratore aggiunto Rosa Volpe.

Quattro persone, tutte appartenenti allo stesso nucleo familiare, di cui due già detenute, sono state messe in custodia cautelare in carcere. Per altri nove indagati sono stati disposti il sequestro di due immobili intestati a prestanome e di denaro per un totale di poco più di 353mila euro, ritenuti proventi di riciclaggio.

I reati contestati includono associazione mafiosa, minacce, induzione a non collaborare con la giustizia o a fornire dichiarazioni false, riciclaggio e autoriciclaggio, con tre degli indagati accusati di associazione mafiosa.

Le indagini hanno anche rivelato un cambio di strategia tra l’Alleanza e i rivali del clan Mazzarella, con cui c’era stata una sorta di “tregua mafiosa”.

Nonostante la detenzione, i soggetti coinvolti hanno continuato a influenzare la distribuzione degli stipendi tra i loro affiliati.

Due dei soggetti coinvolti nel provvedimento cautelare sono accusati di riciclare proventi illeciti attraverso società intestate a prestanome, operanti nel settore dei rifiuti ferrosi, della telefonia e degli affitti immobiliari. In questo modo avrebbero reimpiegato denaro proveniente da truffe, tra cui la vendita di orologi di lusso falsificati a imprenditori facoltosi, anche all’estero.

LE PIU' LETTE

Riproduzione Riservata - Copyright © Gruppo ADN Italia srl - P.Iva 02265930798 - redazione@adn24.it